Disturbi specifici dell’apprendimento

Cosa sono i disturbi specifici dell’apprendimento?

Il disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) è un disturbo del neurosviluppo di origine biologica, che comprende un’interazione di fattori genetici ed ambientali che colpiscono le capacità cerebrali di percepire o processare informazioni verbali o non verbali in modo efficiente e preciso.

Le difficoltà di apprendimento sono considerate “specifiche” perché non sono attribuibili a disabilità intellettive, a deficit sensoriali, a disturbi neurologici (per es. ictus pediatrici) o motori, o a fattori esterni più generali (quali uno svantaggio ambientale o economico, la mancanza di un’istruzione simile a quella tipicamente fornita nella comunità di appartenenza dell’alunno).

Quando si manifestano i disturbi specifici dell’apprendimento?

I DSA si manifestano nelle difficoltà di apprendimento di abilità scolastiche chiave, quali la lettura di singole parole in modo fluente, la comprensione della lettura, espressioni scritte e spelling, calcolo aritmetico e ragionamento matematico.

Le difficoltà di apprendimento nella maggior parte degli alunni sono subito evidenti nei primi anni di scuola tuttavia, in alcuni, possono manifestarsi pienamente solo negli anni successivi, quando le richieste di apprendimento aumentano e superano le limitate capacità dell’alunno.

Come si individuano i disturbi specifici dell’apprendimento?

Per determinare se un bambino presenta un disturbo specifico di apprendimento (sia esso dislessia, discalculia, disortografia o disgrafia) si può eseguire una valutazione che avviene attraverso la somministrazione di specifici test standardizzati, dai quali si riscontrano prestazioni nelle abilità scolastiche colpite al di sotto della media per l’età.

Insegnanti e genitori sono generalmente i primi ad accorgersi di queste difficoltà, perché osservano un rendimento basso per la sua età o un rendimento medio che è sostenibile solo attraverso livelli straordinariamente elevati di sforzo o di sostegno.

Cosa offriamo?

Il Centro Psiche di Castel San Giovanni (Piacenza) offre valutazioni in tempi brevi, volte all’individuazione precoce di fattori di rischio o difficoltà negli apprendimenti o alla diagnosi di un disturbo specifico dell’apprendimento. Per la valutazione vengono utilizzati i test standardizzati richiesti dalla normativa di riferimento e si ripone grande attenzione anche agli aspetti relazionali e al coinvolgimento della famiglia e della scuola nelle diverse tappe dell’iter diagnostico.

Si eseguono aggiornamenti di valutazioni nel corso dei passaggi di ordini e grado scolastici di ogni allievo. Si offrono inoltre percorsi di intervento individualizzati secondo le specifiche esigenze di ogni alunno e attività di sostegno nell’esecuzione dei compiti scolastici con materiali e tecniche adeguate al recupero delle difficoltà attraverso lavori in piccoli gruppi supervisionati da un tutor specializzato in DSA. La precocità e tempestività degli interventi consentono di ridurre l’entità del disturbo, potenziando non solo le risorse e abilità scolastiche del bambino, che impara a costruire attivamente nel tempo strategie individuali per uno studio autonomo, ma potenzia anche la sua possibilità di vivere gli anni scolastici in un contesto che gli garantisca il più possibile un benessere anche emotivo, fatto di fiducia e consapevolezza delle sue potenzialità.

Le professioniste del Centro Psiche ritengono fondamentale il coinvolgimento di tutte le persone che si relazionano quotidianamente con l’alunno, con le sue risorse e difficoltà, offrendo loro appositi spazi di supporto: si organizzano incontri sia individuali che di gruppo coi genitori, per condividere e valutare quali risorse relazionali e materiali attivare per supportare i figli negli anni dell’apprendimento; si strutturano inoltre incontri periodici con la scuola, volti alla condivisione delle metodologie di relazione e di studio più utili per ogni alunno.